Il Palazzo dell’Acquedotto di Bari

Situato nel cuore di Bari, il Palazzo dell’Acquedotto di Bari è diventato nel tempo patrimonio della Puglia.

Lo stile prescelto per l’edificio si integra perfettamente con la tradizione locale, che nel palazzo trova espressione oltre che nei materiali, anche nei moltissimi riferimenti stilistici decorativi, ispirati ai più famosi monumenti architettonici della regione. La pietra di Trani per il rivestimento esterno, mostra, nei dettagli scolpiti in opera, sui capitelli, nelle iscrizioni delle bifore e sui balconi, tutta la sapiente abilità degli scalpellini locali. La storia di questa impresa scritta nella pietra è raccontata con simbolica efficacia dal decoratore Duilio Cambellotti che ha saputo dar corpo e figura alla celebrazione dell’acqua nelle terre assetate della Puglia.

L’artista Duilio Cambellotti fu incaricato nel 1931 della decorazione e dell’arredo dell’intero Palazzo e il suo lavoro rappresenta tutte le arti in cui si è espresso: scultura, pittura, scenografia teatrale, ceramica, illustrazione editoriale, architettura e design.

Dipinti, disegni, illustrazioni, sculture, ceramiche, terracotte, vetrate, mobili e i bozzetti preparatori eseguiti per il Palazzo dell’Acquedotto, raccontano elementi molto importanti e cari all’artista: la spiga e l’ulivo, le mille e una notte, il mondo della natura, le donne, le virtù dell’acqua, gli stili e gli arredi.

Al primo piano, si possono ammirare la sala del consiglio con gli splendidi affreschi, i salottini del presidente e del vicepresidente, completi di tutti gli arredi fissi e mobili. Al secondo piano, l’ex appartamento privato del presidente, ospita alcuni tra i più originali mobili disegnati e realizzati da Duilio Cambellotti, esposti dopo un lungo lavoro di restauro. Al piano terra, è possibile visitare il museo della storia dell’Acquedotto Pugliese, ricco di strumenti e attrezzature dei primi del ‘900. Da non perdere il piccolo museo di archeologia industriale, in cui sono esposte le apparecchiature dell’epoca per la realizzazione dell’opera grandiosa e la riproduzione di un laboratorio chimico risalente agli anni trenta. La galleria è aggiornata con l’esposizione di immagini rappresentanti le più recenti opere di AQP.

Visite guidate al Palazzo | Via Cognetti, 36

E’ possibile effettuare le visite solo il sabato e la domenica mattina su prenotazione.

Si effettuano due turni di visite guidate: il primo dalle ore 10:00 alle ore 11:00 ed il secondo dalle ore 11:00 alle ore 12:00.

Per esigenze organizzative e di sicurezza non sono ammesse visite al di fuori dei turni indicati.

Prenotazioni ► clicca qui

Le prenotazioni devono pervenire entro il giovedì precedente il sabato o la domenica prescelti.
La prenotazione può essere considerata valida solo dopo aver ricevuto e-mail di conferma.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...