La Chiesa Russa di Bari

Si trova tra le vie del quartiere Carrassi di Bari, in corso Benedetto Croce, ed è conosciuta da tutti come la Chiesa Russa di San Nicola.
Non è strano che porti il nome del protettore della città, San Nicola: oltre ad essere simbolo e punto di riferimento per il mondo cristiano, lo è anche per il mondo orientale.


L’origine e la costruzione della Chiesa Russa è insolita: il giorno della posa della prima pietra fu il 22 maggio 1913. La data non fu scelta a caso perché il 22 maggio corrisponde nel calendario in uso in Russia al 9 maggio, anniversario della traslazione delle reliquie nicolaiane da Myra a Bari.
Ma i lavori furono sospesi durante gli anni della Prima Guerra Mondiale, motivo per il quale la stessa è stata completata solamente negli anni Venti del Novecento. Nello stesso periodo, tuttavia, la rivoluzione russa aveva portato alla demolizione dei luoghi di culto, motivo per il quale anche il pellegrinaggio nei confronti di San Nicola venne meno, fin quando nel 1937 la Chiesa Russa di Bari fu venduta all’autorità locale.

Dopo diverse diatribe, si dovrà aspettare il 2007, in occasione della visita del premier russo Vladimir Putin a Bari, per avviare le trattative per la consegna della chiesa alla Russia. Così si arriva al 2009 con la cerimonia di restituzione della chiesa russa e la riconsegna simbolica in mano al presidente russo Dmitrij Medvedev.

Orari di visita
Dal lunedì al sabato – dalle 8:00 alle 18:00
domenica – dalle 8:00 alle 12:00

Per info 0805564623

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.