World Press Photo continua fino al 15 novembre

World Press Photo, il Fotogiornalismo mondiale in mostra, continua a Bari nella splendida cornice del Teatro Margherita fino al 15 novembre 2020.

Ogni anno migliaia di fotoreporter delle maggiori testate editoriali internazionali come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, El Pais, etc. si contendono il titolo nelle 8 diverse categorie del concorso di fotogiornalismo: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, Portraits, Sports, Spot News.
Quest’anno sono 44 i fotografi arrivati in finale, provenienti da 24 paesi diversi. 157 le fotografie esposte, sulle 17.996 esaminate da una giuria internazionale.

Sarà possibile ammirare l’immagine più rappresentativa del 2019 – secondo la World Press Photo Exhibition – intitolata “Straight Voice” di Yasuyoshi Chiba: un ragazzo di Khartoum, illuminato dalle luci degli smartphone che recita una poesia durante una manifestazione in Sudan. La via della nonviolenza è ancora praticabile ed è, soprattutto, necessaria.

«Il ragazzo nella foto all’epoca aveva sedici anni. Non conosceva il premio, si è ritrovato da un giorno all’altro in tutti i siti del mondo».

Jerzy Brinkhof, curatore della mostra

Insieme alla World Press Photo dell’anno, altri scatti rappresentativi: incendi in Australia, laghi sempre più secchi, un giovane baleniere che accatasta carne di balena in Alaska, un attacco terroristico in Egitto, manifestanti a Hong Kong, leoni in cattività negli Stati Uniti.
E ancora la fotografia che identifica la campagna di comunicazione del World Press Photo a Bari: un primo piano di Belinda Qaqamba Ka-Fassia, artista drag e attivista che ha deciso di farsi fotografare per rivendicare la propria identità e combattere contro la discriminazione.

Tra i fotografi italiani, troviamo il torinese Fabio Bucciarelli, che ha vinto il secondo premio nella sezione «General News» raccontando le manifestazioni in Cile, e il cuneese Nicolò Filippo Rosso che ha vinto il terzo premio per il suo reportage sulla crisi economica e sociale in Venezuela.

La mostra racconta efficacemente il modo con cui le fotografie hanno il compito di documentare la realtà, la cattiveria di cui si è capaci in uno scatto, la speranza di cambiare il mondo.


ORARI | dal lunedì al giovedì ore 10:30-13:30 e 15:30-20:30 e dal venerdì alla domenica dalle ore 10:00 alle 22:00.

Gli accessi saranno contingentati nel rispetto delle norme anti Covid-19.
Per facilitare l’accesso e ridurre le attese si consiglia l’acquisto online dei biglietti.

Il costo del ticket intero è di 6.50 euro mentre il ridotto per under 25 e over 65 ha un prezzo di 5 euro. Sono previste inoltre riduzioni per gruppi di minimo 15 persone, scuole, giornalisti con tesserino e studenti universitari (per questi ultimi il martedì).
L’ingresso è invece gratuito per i bambini sotto i dodici anni, i diversamente abili e i giornalisti con accredito (richiesto almeno 48 ore prima).

Per info World Press Photo Bari • https://www.worldpressphotobari.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.